Le Zurle


"Le Zurle - ossia il volo" 1981. Quattro incisioni colorate a mano tirate con torchio a stella da 1 a 100. (Numeri ancora disponibili)

 

 

serigrafia6.jpg

serigrafia7.jpg
Le zurle de Santina

E' cumme ne raccunte raccuntate
zurlenne co' la vite e co' la morte
cumme pe' dice: e'mbe? quest'è la sorte
de chi è cuntente sole d'esse nate.

'Mmentenne fiume case neve e fiure
pijenne bianche verde rusce e gialle
tra 'na crapette e'n'asene a la stalle
nascene filastrocche de culure.

Po' ne frate che balle 'ncoppe i titte
ne citele che dorme dentr'a i sole
ne cuncerte de mille passaritte

'na pazze che raccolle le viole
ne jalle azzurre che'n se sta ma' zitte
'na poesie senza 'na parole.

Romolo Liberale - Avezzano, Maggio 1981

serigrafia9.jpg
serigrafia8.jpg

 

Raccoglitrici di Olive


immagine 076.jpg

 

Santa Lucia

Immagine 015.jpg

E' un chiaro mattino estivo nel cuore degli appennini abruzzesi, così terso che il cielo pare abbia perduto ogni parvenza di spessore, un immenso vuoto assoluto luminoso, uno specchio galattico da incantesimo dove proprio da un momento all'altro può materializzarsi un’idea, un sentimento, una emozione; è cosi irreale e distante e così pure prossimo, sensibile, tattile che senti di dover trattenere l'alito. Ecco, difatti, scollata da chi sa dove un’aiuoletta fiorita galleggiante verso I’aIto a deriva, con una fanciulla, bellezza di qualche borgo dappresso regalmente paludata e di regalita infusa, mi vien in mente all’istante quel famoso guerriero-re di Capestranog e Lei potrebbe essere Ia promessa - sposa scortata da una corono di angioIotti. Tutto così diafano e trasparente che lo sguardo penetra senza sforzo fin nei meandri piu recessi del particolare e assorbe nell’infinito “vacuo”. La fanciulla regge con una mano un silvestre rigoglioso rametto di odore afroso di ginepro, e con l'altra un vassoio (di quelle favolose terraglie dipinte di Castelli) contenente due occhi-frutta. L'immagine ricalca l'iconografia popolare, rivissuta però più come pretesto per una candida e bizzarra tramatura di segni. Ogni elemento che entra a comporre I’opera, da quello iconico-umano a quello animale e vegetale si materializza e contemporaneamente smaterializza attraverso il segno. E' quasi, starei per dire, Ia glorificazione del segno. Ma é anche, e perché no, soprattutto glorificazione di una idea, nel caso: mitico-religiosa; glorificazione di un evento che qui nel vastissimo e purissimo etere si traduce in purissima idea del glorioso.

Federico Gismondi, 1987

La bella estate


immagine 040.jpg

 

La Ciociara


"La Ciociara" 1998. Quattro Acqueforti colorate a mano, cm 50X35 tirate con torchio a stella da 1 a 100. Numeri ancora disponibili.

 

serigrafia1.jpg
serigrafia2.jpg
serigrafia3.jpg
serigrafia4.jpg

 


Stelle Filanti


"Stelle Filanti" 2002. Venti serigrafie colorate a mano tiratura 1 a 100

 

incisione2.jpg
incisione3.jpg
incisione21.jpg
incisione4.jpg
incisione5.jpg
incisione6.jpg
incisione7.jpg
incisione8.jpg
incisione9.jpg
incisione10.jpg
incisione11.jpg
incisione12.jpg
incisione13.jpg
incisione14.jpg
incisione15.jpg
incisione16.jpg
incisione17.jpg
incisione18.jpg
incisione19.jpg
incisione20.jpg

 

Le zurle de Santina

E' cumme ne raccunte raccuntate
zurlenne co' la vite e co' la morte
cumme pe' dice: e'mbe? quest'è la sorte
de chi è cuntente sole d'esse nate.

'Mmentenne fiume case neve e fiure
pijenne bianche verde rusce e gialle
tra 'na crapette e'n'asene a la stalle
nascene filastrocche de culure.

Po' ne frate che balle 'ncoppe i titte
ne citele che dorme dentr'a i sole
ne cuncerte de mille passaritte

'na pazze che raccolle le viole
ne jalle azzurre che'n se sta ma' zitte
'na poesie senza 'na parole.

Romolo Liberale - Avezzano, Maggio 1981


 

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Per scoprirne di più sui cookies e come disattivarli, leggi la nostra informativa.

Accetto cookies da questo sito.